Recensioni

Molte delle recensioni da me scritte qui presenti sono pubblicate dalla rivista culturale romana "Vespertilla" con cui collaboro.

Scarica       il suo ultimo numero.

Clicca         per cercare la tua recensione in ordine alfabetico

UN DRAMMA COSì SEMPLICE DA DIVENTAR COMPLESSO

BUONANOTTE MAMMA - Teatro Belli - Roma

 

Alfred Hitchcock, parlando di cinema, prende come esempio una discussione seduti ad un tavolo di un ristorante: poniamo che la conversazione duri dieci minuti e alla fine una bomba faccia esplodere il tavolo. Il pubblico avrà in questo modo ascoltato in maniera superflua il discorso e vissuto quindici secondi di stupore nel momento conclusivo. Mentre se lo spettatore all’inizio della scena vede che sotto il tavolo c’è una bomba, avrà sacrificato i pochi secondi di stupore per dieci minuti di suspense, ed è quest’ultima che gli permette di seguire maggiormente tutto ciò che sta avvenendo per vedere come andrà a finire. Questa logica è la stessa alla base del dramma “Buonanotte, mamma” (“Night, Mother” in lingua originale), debuttato nel 1983 e vincitore nell’anno successivo del premio Pulizer ...

UNA STORIA PER BAMBINI GRANDI E PER GRANDI BAMBINI

MARTINA E NOCCIOLINO - Teatro L'Aura - Roma

 

Bella, colorata, divertente, riflessiva, Martina e Nocciolino è la prima opera scritta e diretta dal giovane Giorgio Volpe, non nuovo come attore nell’ambiente del teatro ragazzi, ma alla sua prima esperienza come drammaturgo. La piéce, rivolta principalmente ad un pubblico giovanissimo ma simpaticissima per tutte le età, narra la storia di un folletto (Nocciolino) ed una bambina (Martina) che un giorno decidono di scambiarsi di posto. La ragazzina andrà nella Contea di Giù di Su per Giù dove conoscerà strane creature e vivrà più a stretto contatto con la natura, mentre il giovane protagonista dovrà fare i conti con quelle regole che fanno il mondo degli umani decisamente più noioso del suo e con la scuola elementare, luogo in cui l’intervallo è l’unico momento di svago concesso ai bambini tra una ...

GIALLO BRILLANTE PER UNO SPETTATORE ATTIVO

SHOTTERY ROAD - Teatro Furio Camillo - Roma

 

Cosa accadrebbe se a due malviventi venisse commissionato in cambio di una ricompensa in denaro, utile a ricoprire i loro debiti, l’omicidio di un tizio che si scopre già morto? Ce lo mostra la regista, drammaturga e attrice Chiara Spoletini che, con la collaborazione di Ludovica Bei, mette in scena uno dei suoi primi testi teatrali: Shottery Road. La pièce vede sul palco quattro attori uomini (Gabriele Farci, Emanuele Gabrieli, Igor Petrotto, Ivano Picciallo) e una donna (l’aiuto regia Ludovica Bei), tutti professionisti under trenta, che gestiscono bene una trama complicata, ricca di colpi di scena in pieno stile thriller. Questo giallo comincia già durante la vendita dei biglietti, quando due loschi figuri si incamminano per la strada innanzi al teatro cercando evidentemente quello che poi sarà ...

VIAGGIO NEL QUATTORDICESIMO SECOLO

BOCCACCIO 700 - Teatro della Bottega - Roma

 

Boccaccio 700 è un itinerario nella vita e negli scritti di uno dei più intensi poeti e scrittori della storia italiana. Un racconto teatrale interamente inspirato ai suoi personaggi più celebri e ad aneddoti biografici dell’autore fiorentino, di cui l’anno scorso, e da qui l’opera trae il suo nome, si è celebrato il settecentesimo anniversario della sua nascita. Lo spettacolo si svolge nell’ambiente intimo del Teatro della Bottega che aiuta a dare quell’atmosfera da viaggio nel tempo, data dall’immergersi in luoghi passati per riscoprire persone e costumi di un’epoca ormai conclusa. La scenografia è molto minimalista, comprende soltanto qualche oggetto necessario alla realizzazione pratica delle scene. La narrazione, scandita dalle parole dell’artefice delle storie narrate (Giovanni Boccaccio appunto) fa risultare lo spettacolo ...

OTTO BIRRE PER TRE RIVELAZIONI

BIRRE E RIVELAZIONI - Teatro Argentina - Roma

 

Birre e rivelazioni è il secondo spettacolo della rassegna “Garofano verde”, andata in scena al teatro Argentina dal 8 al 10 settembre 2014. La pièce ha già dall’inizio una scenografia fissa: ogni atto si apre e si chiude nel bar di Sergio, composto da due tavolini con altrettante sedie ciascuno. La tranquilla vita del proprietario del locale viene un giorno sconvolta da una sorta di epifania pirandelliana: l’arrivo del professore di suo figlio Francesco che porta il primo protagonista ad una presa di coscienza sulla propria condizione alienata rispetto alla vita privata, in particolare l’orientamento sessuale, del ragazzo. Il professore sembra essere il maggior confidente di Francesco, mettendo in dura crisi la figura paterna, che si vede crollare ciò che pensava di essersi costruito. La narrazione è ...

PLAUSO ALLE NOVITA'

UNA DONNA E IL SUO BAGAGLIO - Teatro Elettra - Roma

 

In un mondo teatrale dominato perlopiù da grandi testi di noti autori, sempre ben accette sono le opere prime, soprattutto quando queste sono accompagnate da una buona e interessante regia. Si parla di Una donna e il suo bagaglio, in scena dal 5 all’8 giugno al teatro Elettra di Roma. La storia narrata è quella del mai esistito Robert Miller, uno scrittore, autore della serie TV Passing Love. L’ambiente è quello immaginario della hall della pensione Airone di Williamland, uno dei tanti paesini dell’America dove non accade nulla e la gente vive aspettando qualcosa che forse non accadrà mai. La situazione, però, cambia all’arrivo sul posto di una donna, guardata con sospetto perché senza bagaglio e, come viene detto, “una donna senza bagaglio è come una senza passato” ...

FRAMMENTI DI VITA

PEDIGRI' - Teatro bi pop Zaccaria Verucci - Roma

 

“Non nasce teatro laddove la vita è piena, dove si è soddisfatti. Il teatro nasce dove ci sono delle ferite, dove ci sono dei vuoti… E’ lì che qualcuno ha bisogno di stare ad ascoltare qualcosa che qualcun altro ha da dire a lui.” Questa citazione di Jacques Copeau, attore, regista teatrale, drammaturgo e critico francese, maestro del teatro del ‘900, esprime a pieno ciò che gli ideatori di Pedigrì Tiziano Scrocca e Giuseppe Ragone intendono realizzare: un teatro sociale, capace di intrattenere, ma nello stesso tempo di far riflettere sui valori importanti della vita (come l’amore e l’istruzione ad esempio). L’impostazione è sempre la stessa, ma il gruppo varia di volta in volta, facendo si che non si assiste sempre allo stesso spettacolo. Questa volta sul palco ci sono tre attori ...

TEATRO A SERVIZIO DEL POPOLO

M.E.D.E.A. BIG OIL - Teatro Biblioteca Quarticciolo - Roma

 

Vincitore del Premio Scenario per Ustica 2013, che nasce con lo scopo di valorizzare nuove idee  e visioni di teatro, M.E.D.E.A. Big Oil è un viaggio che lo spettatore fa in un luogo poco conosciuto perché poco se ne parla: la Basilicata, terra che basa la sua economia soprattutto sull’agricoltura, sull’allevamento e sulla pesca, ma che è anche la regione con maggiore quantità di petrolio nel suo sottosuolo (se ne estrae circa il 70% di quello nazionale). In questo itinerario attraverso uno dei posti più belli d’Italia è necessario fare una distinzione. Stanislavskij, maestro per eccellenza del lavoro dell’attore, ha distinto a suo tempo due aspetti dell’azione: uno di leggibilità e uno di credibilità. Indipendenti tra di loro, il primo è una questione semantica (in parole povere far sentire ciò che si dice), il secondo ...

IBSEN SU TUTTO

CASA DI BAMBOLA - Teatro Orologio - Roma

 

Casa di bambola è un dramma in tre atti scritto dal drammaturgo, scrittore, poeta e regista teatrale norvegese Henrik Ibsen nel 1879 durante un suo soggiorno ad Amalfi. La sua fama internazionale inizia proprio con questo testo. Scandalo, discussioni e polemiche lo accompagnano: le vicissitudini di Nora si pongono, infatti, in un momento della storia animato dalle prime lotte femministe, tanto da portare l’autore a scriverne un secondo finale poiché l’attrice scelta per Nora si rifiutò di interpretare la parte di una madre che arriva a prendere una decisione così forte e discutibile come la sua. La sala Moretti dell’Orologio apre: in scena due attrici e un telo bianco che si intuisce nasconda qualcosa. Lo spettacolo comincia con il matrimonio di Nora: entrano gli altri personaggi e iniziano ...

LA SOLITUDINE FEMMINILE, TRA PASSATO E PRESENTE

SOLE - Teatro Eliseo - Roma

 

“C'è un castello su una nuvola, mi piace andare lì nel sonno. Non ci sono pavimenti da spazzare per me. Non nel mio castello su una nuvola.” Questa la traduzione del motivetto in inglese, cantato dalla piccola Cosette de Les Miserables, che accompagna i cambi di personaggio che Valentina Capone,  vincitrice nel 2009 del “Premio E.T.I. - Gli olimpici del teatro” nella categoria “Attori emergenti”, effettua con grande abilità nello spettacolo Sole. In questa pièce teatrale, liberamente ispirata da le Troiane ed Ecuba di Euripide, l’attrice, nonché regista di se stessa, passa in rassegna vari episodi aventi tutti come filo conduttore lo stesso sentimento. “Essere vivi ed essere morti è la stessa cosa […] la morte è di chi resta: a noi resta la solitudine”, afferma la protagonista durante la sua performance ...

L'ESASPERAZIONE DELLE RELAZIONI

TUTTO IN ORDINE - Teatro Tordinona - Roma

 

“Tutto in ordine” è il nuovo spettacolo diretto ed interpretato da Andrea Ronchetti, che per questa pièce si accompagna ad altri quattro attori (Dario Bovenzo, Francesco Mazzei, Damiano Lorusso e Valeria Izzo). L’opera è liberamente ispirata a “Parenti terribili” di Jean Cocteau, che affascina molto il regista per via delle tematiche affrontate. Questa nuova tragi-commedia infatti, come in parte il capolavoro precedentemente citato, si pone come un’esasperazione delle relazioni che si vengono a creare sia all’interno della famiglia che con membri esterni ad essa. Il tutto accompagnato da un interessante commento musicale che, richiamando il drammatico, fa presagire qualcosa di poco positivo. Riccardo, compagno di Teo, si sente sempre più trascurato e questo lo spinge tra le braccia di una ...

COS'E' LA TECNICA SENZ'ANIMA?

ACCORDI - Teatro Furio Camillo - Roma

 

“Accordi” è il nome dello spettacolo andato in scena dal 5 all’8 e dal 12 al 15 marzo al Teatro Furio Camillo di Roma. La pièce teatrale è liberamente ispirata al dramma in due atti di Abraham B. Yehoshua “Camminano forse due uomini insieme?” ed ha come temi centrali l’identità ebraica e la costruzione dello Stato d’Israele. I protagonisti sono due: David Ben Gurion, che conosceva a memoria i poemi di Bialik, uno dei padri della cultura nazionale ebraica che profetò la trasformazione del deserto del Negev nelle terre coltivabili dove fondare le nuove città per gli ebrei, e Zeev Jabotinsky, scrittore e poeta, traduttore in russo di Dante e Goethe, di Edgar Allan Poe, Rostand e Verlaine, che sognava di riunire nello stato di Israele le due rive del Giordano. Lo spettacolo rivisita il loro ritrovo nel quale ...

IL VALORE DI UN RAPPORTO

FERITE D'ARMA DA GIOCO - Teatro dell'Orologio - Roma

 

La vera amicizia non consiste nell’essere inseparabili, ma nell’essere in grado di separarsi nel tempo e nello spazio senza che nulla cambi. “Ferite d’arma da gioco”, del finalista del premio Pulitzer Rajiv Joseph, in scena dal 3 all’8 marzo al Teatro dell’Orologio, parla di questo: di amicizia, così forte da sfiorare l’amore, così fragile da far male. Due attori reggono la scena, caratterizzata da un viaggio nel tempo attraverso le vite di due personaggi comuni, quotidiani: Clara e Diego, appunto migliori amici. Lo spettacolo inizia con un gioco di luci particolare in cui la platea risulta più illuminata del palcoscenico, nella cui semi oscurità un uomo e una donna preparano la scena, quasi a rendere al pubblico l’idea di essere pienamente partecipi della storia, di stare per assistere a ...

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now